La pornografia crea dipendenza?

La pornografia è un soggetto caricato. Gli oppositori sostengono che può rovinare matrimoni, basti pensare ai tanti casi di video porno amatoriali girati alle volte di nascosto dal proprio coniuge, oppure portare alla dipendenza sessuale o altri comportamenti non salutari, e incoraggiare l’aggressione sessuale.

I fautori sostengono che erotica può migliorare la vita sessuale, di fornire una presa sicura di ricreazione e forse anche ridurre l’incidenza di violenza sessuale. (Dopo la pornografia è stato legalizzato in Danimarca nel 1969, per esempio, i ricercatori hanno riferito un corrispondente calo delle aggressioni sessuali.)

Ma in qualche modo, entrambi gli argomenti sono discutibile: O se non si pensi che sia morale, il fatto è che la gente come porno. Diversi studi internazionali hanno messo consumi porno al 50 per cento al 99 per cento tra gli uomini e 30 per cento al 86 per cento tra le donne, secondo Gert Martin Hald, PhD, e colleghi in The APA Manuale della sessualità e Psicologia (Vol. 2).

“Porn è praticamente onnipresente”, dice Ana Ponti, PhD, uno psicologo presso la University of Arkansas. E Internet ha reso più facile che mai per ottenere una correzione erotico. Il ricercatore in ritardo sesso Alvin Cooper, PhD, chiamato questo il “tripla-A motore” Effetto: L’accessibilità, convenienza e l’anonimato fornito dal Web hanno messo adulto destra contenuti a portata di mano.

Molte persone sostengono che è una buona cosa. In un sondaggio del 2002 condotto per PBS / Frontline dall’Istituto Kinsey per la Ricerca in Sex, Gender and Reproduction presso l’Indiana University, l’86 per cento degli intervistati ha dichiarato porno può educare le persone, e il 72 per cento ha detto che fornisce una presa innocuo per fantasie. Tra coloro che hanno dichiarato di utilizzare la pornografia, l’80 per cento ha dichiarato di sentirsi “fine” su di esso.

“Ci sono un sacco di persone là fuori che utilizzano un sacco di porno che non hanno problemi di sorta con esso”, dice Erick Janssen, PhD, uno scienziato senior presso l’Istituto Kinsey. “Così, quando non diventa una dipendenza?”

Questo, naturalmente, è una questione chiave per i ricercatori cercano di comprendere lato oscuro della pornografia.